Locazioni: Nuovo modello RLI 2017 Agenzia delle Entrate

E’ in vigore da martedì 19 settembre 2017 il nuovo modello denominato Registrazione Locazioni Immobili (RLI) approvato, unitamente alle relative istruzioni, con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 112605 del 15.6.2017.

Questo modello serve per richiedere agli uffici dell’Agenzia delle Entrate la registrazione dei contratti di locazione di immobili e comunicarne eventuali proroghe, cessioni, risoluzioni o subentri.

Il modello RLI può essere utilizzato anche per esercitare l’opzione e la revoca della cedolare secca e per comunicare i dati catastali dell’immobile oggetto di locazione o affitto.

La novità riguarda l’introduzione di ulteriori dati riguardanti le parti e la tipologia del contratto, più il nuovo quadro E che va compilato se nel contratto di locazione è stato previsto, per una o più annualità,
un canone differente.

Il modello deve essere presentato per via telematica direttamente dal contribuente o tramite i soggetti autorizzati alla trasmissione.

I dati richiesti devono essere forniti obbligatoriamente per poter fruire del servizio di registrazione.

L’indicazione di dati non veritieri può far incorrere in sanzioni amministrative o, in alcuni casi, penali.

L’Agenzia delle Entrate e gli intermediari, quest’ultimi per la sola attività di trasmissione, secondo quanto previsto dal D.lgs n. 196/2003, assumono la qualifica di “titolare del trattamento dei dati personali” quando i dati entrano nella loro disponibilità e sotto il loro diretto controllo.

Nuovo modello RLI 2017 e istruzioni Agenzia delle Entrate:

Il nuovo modello RLI 2017 è scaricabile online sul sito dell’Agenzia delle Entrate insieme alla istruzioni per la compilazione, le specifiche tecniche ed il nuovo software RLI 2017.

Seguono gli indirizzi per scaricare gratis il modello e le istruzioni: