Agevolazioni e bonus casa 2018

Agevolazioni e bonus casa 2018: con la Legge di Bilancio 2018 (Legge 27 dicembre 2017, n. 205) cambia la mappa delle agevolazioni sugli interventi edilizi.

Con questa breve sintesi si riportano le novità apportate dalla Legge di Bilancio 2018 in tema di Bonus casa.
 

  • Agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie
  •  
    la Legge di bilancio 2018, confermate le stesse condizioni previste per il passato, ha prorogato al 31 dicembre 2018 la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef al 50%, confermando anche il limite massimo di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare.

    Per gli interventi di ristrutturazione realizzati su immobili residenziali adibiti promiscuamente all’esercizio di un’attività commerciale, dell’arte o della professione, la detrazione spetta nella misura ridotta della metà.

    In generale, la detrazione deve essere ripartita in dieci quote annuali di pari importo.
     

  • Bonus verde
  •  
    Introdotta solo per il 2018 (salvo proroghe future) è una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute nel 2018 per i seguenti interventi eseguiti su unità immobiliari a uso abitativo:

     – sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi;

     – realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

    La detrazione massima è di 1.800 euro per immobile (36% di 5.000).

    Il bonus verde spetta anche per le spese sostenute per interventi eseguiti sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali, fino a un importo massimo complessivo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo. In questo caso, ha diritto alla detrazione il singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile, a condizione che la stessa sia stata effettivamente versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.
     

  • Ecobonus (Risparmio energetico)
  •  
    Prorogato fino al 31 dicembre 2018 con un importo da portare in detrazione che può variare, in base alle caratteristiche dell’intervento, dal 50% al 85% della spesa.

    Le spese ammesse in detrazione comprendono sia i costi per i lavori relativi all’intervento di risparmio energetico, sia quelli per le prestazioni professionali necessarie per realizzare l’intervento stesso e acquisire la certificazione energetica richiesta.
     

  • Bonus mobili ed elettrodomestici
  •  
    Riconfermato anche il bonus sull’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici.

    Può beneficiare della detrazione Irpef del 50% chi acquista mobili ed elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni) nel 2018 ed ha realizzato interventi di ristrutturazione edilizia a partire dal 1° gennaio 2017.

    La detrazione va calcolata su un importo massimo di 10.000 euro, comprensivo delle eventuali spese di trasporto e montaggio, e deve essere ripartita in dieci quote annuali di pari importo.

    Il pagamento va effettuato con bonifico o carta di debito o credito.
     

  • Sisma bonus
  •  
    Per le spese sostenute dal 1º gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 spetta una detrazione del 50%, che va calcolata su un ammontare massimo di 96.000 euro per unità immobiliare (per ciascun anno) e che deve essere ripartita in cinque quote annuali di pari importo.

    La detrazione è più elevata (70 o 80%) quando dalla realizzazione degli interventi si ottiene una riduzione del rischio sismico di 1 o 2 classi e quando i lavori sono stati realizzati sulle parti comuni di edifici condominiali (80 o 85%).

    Infine, chi compra un immobile in un edificio demolito e ricostruito nei Comuni in zone classificate a “rischio sismico 1”, può detrarre dalle imposte una parte consistente del prezzo di acquisto (75 o 85%, fino a un massimo di 96.000 euro).

    Per ulteriori approfondimenti è possibile consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate.